A cosa servono le livelle laser

A cosa serve la livella laser? Dire che aiuta a misurare è, oggi come oggi, troppo riduttivo visti i livelli di crescita di questo prodotto in termini di tecnologia e funzionalità. Partiamo dalle nozioni base. La livella laser moderna, a differenza del filo a piombo tradizionale, è uno strumento di massima precisione che consente di misurare la pendenza di una superficie su un piano orizzontale tramite l’emissione di un fascio laser di colore verde o rosso. Il funzionamento automatico avviene grazie a un dispositivo laser incorporato nello strumento che ruota e scorre su ogni lato. Se prendiamo come esempio la tradizionale livella a bolla, il livellamento è sempre frutto di un’operazione manuale, quindi a rischio di errore, ma nelle livelle autolivellanti questo pericolo non sussiste in quanto il calcolo è automatizzato. Eseguito il livellamento, il laser proietta un raggio di luce a griglia che si focalizza sui punti da individuare sul piano di lavoro.

Il falegname, ad esempio, utilizza il modello a puntatore laser che permette una miriade di operazioni nel suo campo, così il carpentiere, l’artigiano, il muratore e anche il semplice appassionato di ‘fai da te’, visto che la livella ormai non è solo impiegata nei vari settori lavorativi ma anche in campo hobbistico. Questo utile strumento viene impiegato per semplici lavoretti così come per progettazioni avanguardistiche nei cantieri, si può usare indistintamente per la posa di un pavimento, per trovare posto a un quadro sulla parete o per lavori di grossa portata e di stampo professionale. E’ ovvio che per ogni tipo di intervento c’è una livella adatta allo scopo, ciò spiega l’invasione di mercato da parte di innumerevoli tipologie di livelle laser, quasi nella totalità autolivellanti che hanno sostituito l’attrezzo manuale ormai in disuso.

La precisione delle livelle laser autolivellanti di ultima generazione è, a dir poco, impressionante. I migliori modelli sul mercato vantano prestazioni da podio, con approssimazioni centesimali di 0,5-0,8 mm/m. Le livelle in commercio, visibili su www.livellelaser.it, si suddividono in macrocategorie per le differenze strutturali e gli accessori di cui sono dotate. Si possono avere livelle con testa mobile, da montare su  treppiede per posizionamenti orizzontali, verticali o trasversali o livelle palmari, più leggere e maneggevoli, ideali per interventi ‘fai da te’ che sfruttano il raggio laser proiettato sul pavimento, a parete o sul soffitto.