Come fare tabelle in Excel

Le tabelle sono sempre stati un ottimo modo per contenere dati. In informatica trovano diverse applicazioni: si usano continuamente nei database, e possono essere collegate tra loro per formare complessi e immensi database, ma li troviamo anche nei fogli di calcolo, che rappresentano un ottimo modo per contenere ed elaborare dati, adatto alle persone singole (quindi lontano dalla grande produzione industriale di software), ma utile anche alla piccola e medio impresa che voglia fare report, analisi dei dati, schemi e anche semplicemente rendersi conto se guadagni e fatturati stanno andando bene.

Dato un foglio Excel, per fare le tabelle è preferibile innanzitutto scrivere uno o due righe di dati e successivamente selezionarli. Poi si andrà sul tab HOME (se avete Office 2010) e si selezionerà formatta come tabella, andando a selezionare il tipo di tabella che si vuole selezionare.

Una volta creata la tabella, si avranno alcuni vantaggi, tra cui il fatto di ordinare le colonne secondo alcuni criteri, o addirittura nascondere determinate informazioni.

Supponiamo, infatti, di avere una serie di regioni e vogliamo selezionare, in una tabella, solo le regioni di interesse, oppure ordinarli in ordine alfabetico. Tutto questo può essere fatto agevolmente impostando le celle in modo da fare tabelle.

Adesso vediamo quali sono le operazioni più comuni che vengono applicate alle tabelle:

Una delle operazioni più comuni è quella della somma in Excel. In pratica, viene sommata un’intera colonna di una tabella, in modo tale da ottenere un totale. Questa operazione può essere applicata in un inventario ad esempio, o quando si ha una lista di prodotti da ordinare.

Ma a questi prodotti ordinati potremmo voler sottrarre i resi, ad esempio. E dunque in questo caso si userà la sottrazione Excel. Alla nostra tabella potranno essere applicate tante altre funzioni, come ad esempio: la moltiplicazione, la sottrazione, il cerca verticale, la funzione se, la funzione percentuale, la funzione media, la formula concatena, destra o sinistra, e tutte le formule che Excel mette a disposizione.

Le tabelle Excel possono essere usate nei fogli Excel per la gestione del magazzino. Chi ha migliaia di prodotti, infatti, deve catalogare tutto in maniera digitale, e dunque potrà avere un quadro preciso e completo tra quello che manca nel magazzino, quello che già c’è, e quello che sta per finire e deve essere ordinato. In questo modo, conoscendo Excel, catalogare prodotti può diventare un gioco da ragazzi, e non è necessario utilizzare costosi programmi specifici, che comunque non ci consentono una adeguata personalizzazione delle funzioni, in base alle nostre esigenze.

Una ulteriore personalizzazione di Excel viene dai plugin. Spesso ne troviamo per l’analisi dei dati o per svolgere applicazioni specifiche, come prelevare il valore delle azioni dal web, oppure ottenere le quote dei cambi. Le ultime versioni dei programmi per gestire fogli di calcolo, infatti, posseggono delle funzioni per fare lo scraping delle pagine e prelevare contenuti di interesse. I dati ottenuti dal web verranno poi analizzati e trattati in tabelle Excel, secondo esigenze specifiche.