Località balneari toscane

La maremma ogni anno attira migliaia di visitatori grazie al suo enorme patrimonio paesaggistico oltre che culturale. A conferma di tutto ciò, c’è sicuramente il boom di prenotazioni di case vacanze o di camere negli hotel toscana mare che esplode ogni estate grazie alla qualità delle sue acque cristalline.

Dal Golfo di Follonica al promontorio dell’Argentario fino alle coste laziali, chilometri di spiagge bianche, l’abbondanza di piccole insenature riparate e ripide pareti rocciose a strapiombo sul mare, modellano un paesaggio che riesce a regalare al visitatore un senso di meraviglia che lascia facilmente di stucco.

Una costa variegata ed immersa nella macchia mediterrania, ideale per chi desidera una vacanza in tutta tranquillità con la propria fidanzata o in famiglia.
Nonostante i tanti chilometri di costa, non sono molte le cittadine che si affacciano sul mare. Tra di queste, per strutture e vivacità, spiccano sicuramente Follonica, che è la prima cittadina a nord della provincia di Grosseto, Castiglione della Pescaia, Marina di Grosseto, Orbetello e Talamone oltre alle due località principali dell’Argentario: Porto Ercole e Porto Santo Stefano.
Ognuna di queste località può vantare, come un filo rosso che le accomuna, una qualità paesaggistica di alto livello e delle strutture balneari, ricettive e ristorative ideali per tutti coloro che desiderano una vacanza organizzata e ricca di confort.

Ma concentriamoci sulla costa del Parco della Maremma. Il suo eccezionale ecosistema, le sue pinete a ridosso delle spiagge e una urbanizzazione non invadente, sono riusciti a conservare spiagge incontaminate degne di un’isola deserta. Tra queste non possiamo non ricordare la Cala Violina che, secondo Legambiente, è una delle più belle d’Italia. La sua sabbia fina ha la caratteristica di “suonare” quando calpestata, da qui il suo particolarissimo nome.
Nei pressi di Castiglione della Pescaia, protetta dalle rocce del promontorio, si trova un’altra di quelle piccole perle che solo la Maremma sa preservare, una spiaggia chiamata: le Rocchette. Passando per i lidi attrezzatissimi del capoluogo di provincia, ecco che la natura torna a prendere il sopravvento con chilometri di spiagge protette e incontaminate, difese da sentieri ed itinerari che avanzano nella vegetazione del Parco Naturale Regionale della Maremma. Tra di queste, le più belle sono sicuramente la spiaggia di Collelungo e di Cala di Forno. A chiudere il confine meridionale del Parco della Maremma, ma non della provincia di Grosseto, c’è infine il Tombolo della Giannella, la lingua di terra che collega il promontorio dell’Argentario alla terraferma. Lungo l’intero braccio, un’alternanza di stabilimenti e di spiaggia libera riuscirà sicuramente ad accogliere ogni tipo di turista.